Titolo alternativo: “Alzarsi presto in viaggio può essere controproducente!”

Quando si organizza un tour nell’Ovest degli Stati Uniti d’America ci sono due tappe abbastanza scontate: la Route 66 e almeno una città fantasma. Se poi ghost town e Route 66 si trovano nello stesso luogo, ancora meglio!

Non serve presentare la Route 66 (aperta al traffico nel 1926, collegava Chicago a Santa Monica, per un totale di 3755 km). Sostitita dal sistema delle autostrade interstatali (Interstate Highway Sistem), oggi sopravvivono alcuni tratti conservati sotto il nome di Historic Route 66.

Di città fantasma tra California, Arizona e Nevada ce ne sono diverse; io nell’itinerario ho inserito quella più comoda, che comportasse meno deviazione dall’autostrada verso il Grand Canyon, per perdere il minor tempo possibile.

Oatman si trova nelle Black Mountains ed è nata dopo la metà dell’Ottocento per ospitare i minatori (l’area era ricca di giacimenti auriferi). Qui si trovava una delle più grandi miniere d’oro di tutti gli Usa, e continuò a prosperare anche quando i giacimenti cominciarono a esaurirsi, visto che di qui passava la Route 66 che congiungeva Kingman e Needles, e turisti e viaggiatori dovevano passare di qui. Nel 1939 Clark Gable trascorse qui (nell’Oatman Hotel, che esiste ancora) la sua luna di miele con Carol Lombard. Quando poi fu costruita, nel 1953, una nuova strada il paese cominciò a spopolarsi, fino ad essere praticamente deserta negli anni Sessanta.

Con il rinnovato interesse dei turisti per Route 66 e cittadine minerarie abbandonate, anche Oatman è tornata alla vita.

Needles – Oatman (AZ) 35 km

Viste le scarse attrattive del nostro Motel 6, abbiamo lasciato Needles di prima mattina e imboccato subito la vecchia strada che attraversa le Black Mountains.

Arriviamo così ad Oatman in un giorno qualsiasi di febbraio quando ancora non c’è nessuno per strada. Risultato: paese deserto, i negozi per souvenir/musei chiusi, i famosi burros (piccoli asini) inesistenti! Ma il fascino del villaggio rianimato per i turisti si fa sentire lo stesso.

IMGP1014IMGP1016IMGP1019

Difficile per noi dire se la cittadina conservi un qualcosa di autentico o se sia troppo ad uso e consumo dei turisti… di sicuro la caparbietà dei pochi abitanti nel mantenere aperte le attività è premiata dal notevole afflusso di clienti (testimoniato dalle foto che si trovano in rete!).

Oatman – Kingman (46 km)

Il tratto di Route 66 che da Oatman scende a Kingman attraversa un paesaggio montano desertico; l’asfalto è in discrete condizioni, le curve sono frequenti e pericolose… meglio andare piano!

IMGP1020

La città di Kingman è una delle altre tappe tipiche sulla R.66, ma noi vediamo solo la periferia, i fast food e i centri commerciali. Pausa colazione e si riparte, visto che abbiamo fretta di arrivare al G.C.

Kingman – Seligman (120 km)

La fermata a Seligman non era prevista, ma è stata divertente! Qui sembra di essere tornati agli anni ’50-’60.

Seligman è una piccolissima cittadina, dove un tempo passavano ferrovia e R.66, che è rimasta completamente tagliata fuori dal passaggio della I40. L’abbondanza di auto d’epoca e l’ottimo stato di conservazione degli edifici (motel, general store, negozi, distributore di carburante), estremamente colorati, la rendono una tappa che vale la pena fare, anche solo per spezzare il viaggio.

Per gli amanti dei film animati della Pixar, Cars è (forse) ambientato nel tratto di strada che finisce qui, l’arco che parte da Kingman e passa da Peach Springs. In realtà locations, personaggi ed edifici sono ispirati a un mix di luoghi e persone (divertente questo articolo – in inglese – sull’argomento).

IMGP1034IMGP1037IMGP1039IMGP1044

Seligman – Grand Canyon Village circa 160 km

Dopo Seligman il paesaggio comincia a cambiare; il deserto lascia il posto a boschi, che poi diventano vere e proprie foreste.

Non avendo il tempo di andare a Flagstaff avremmo potuto decidere di fermarci a Williams (anche qui ancora un tratto di R66), ma ormai la meta tanto agognata è così vicina… ci accontentiamo di ammirare il panorama dall’Interstatale 40 per arrivare finalmente qui:

IMGP1051

Il resto al prossimo post!

Distanza totale ∼ 360 km percorribili in 4 ore (fermate escluse)

Vedi la tappa precedente

Annunci